è di diego valeri propio non ci riesco

Una risposta

  1. Rossyyyy ūüôā sono Giuliii..a me la parafrasi me l-ha fatta un tipo su badoo..muahahahah..tieni √® un po- incasinata..:)

    penso che questa sia una Poesia d- amore- in cui il Poeta contempla la Natura e pensa alla sua Amante. Le parole del Poeta descrivono il risveglio di Primavera. I tralci portano le gemme appena spuntate mentre sulla riva verde ed erbosa dei canali spuntano le prime margheritine bianche. Il cielo √® diventato pi√Ļ limpido rispetto all- Inverno passato e lascia vedere il suo colore azzurro. Da Ovest a Est e da Nord a Sud- ovunque- dai quattro canti del mondo il cielo ha preso il suo colore celeste. Le cimase sono gli orli di un lenzuolo e qui il Poeta fa la similitudine del cielo con una biancheria. Si scorge appena una nuvoletta di fumo color grigio perla sull- ultima casa. Penso che qui per &quot-ultima&quot- s- intenda &quot-ritardataria&quot– cio√® una casa che ancora accende il focolare per scaldarsi- ma che presto spegner√† perch√® st√† arrivando il caldo della nuova stagione. Il vento entra nelle case e porta il profumo del mare e fa pensare all- aria ed alla libert√†. Ci si sente quasi prigionieri dentro casa se si pensa al volo svelto delle rondini. In questo verso- la parola &quot-violento&quot– riferito al volo delle rondini- non penso gli si debba attribuire un valore negativo- ma indicherebbe solo la forza- l- agilit√†- la rapidit√† delle rondini che svolazzano- planano- e fanno le loro evoluzioni nel cielo primaverile. Le rondini comunicano una con l- altra- stridono con il loro verso acuto- sono chiaccherone come delle gabbianelle. Ed il Poeta sembra percepire in questi versi l- amarezza e la nostalgia del freddo inverno appena trascorso. Infatti per definizione- la nostalgia ha dentro di se l- amarezza per il passato- essa √® il dolore provocato da un ricordo e dalla memoria. Poi nel verso sucessivo- il Poeta rivede la Natura ed i prati sbocciare- espandersi come un sorriso. E pensa che se non fosse stato per l- amore e per il suo amato- tutta la bellezza della Primavera non sarebbe valsa a scaldarle il Cuore. Perch√® l- amore √® una parola carnale come la parola &quot-cuore&quot- e ci dona la vita ed il respiro. L- amore ci conforta e ci rende forti e vivi nei momenti difficili. L- amore ci illumina con i suoi consigli e ci conduce sulla giusta strada. L- amore √® tutto- √® la vita stessa. Forse il Poeta ci vuole dire che si vede bene solo con il Cuore perch√® l- amore che spinge l- uomo ad andare avanti. E quando guardiamo con occhi amorevoli non siamo acceccati dall- ira distruttrice e dall- odio- per colpa del quale ogni cosa al mondo non esisterebbe. Infine- nell- ultima stroffa- il Poeta ricorda nuovamente il grande risveglio di Primavera ed il termine della stagione spoglia. Nella penultima riga- l- aggettivo mesto forse significa &quot-pesante&quot- cio√® un sorriso che fa fatica ad espandersi ma che alla fine sboccia- un sorriso che ha dovuto affrontare il gelido inverno della tristezza prima di poter sbocciare e trovare la sua serenit√†….

    Baci tesòòò..:)

Lascia un commento